LiberArteMente

Leggi l'informativa su Privacy & Cookie a lato, all'interno della stessa trovi le modalità per non aderire. Se vuoi aderire è sufficiente che prendi visione e continui la navigazione sul nostro blog. 
Grazie

Nello sviluppo dei bambini (e dei ragazzi soprattutto adolescenti) anche l'arte merita la sua parte. Che sia l'arte osservata o che sia l'arte sperimentata, è molto importante scoprirne i diversi percorsi.
Frequentare l'arte ci mette in contatto con la nostra personale creatività, una peculiarità molto importante nella vita.

L'arte non è intellettuale come può sembrare, la critica artistica è un lavoro puramente intellettuale, ma l'arte riguarda la vita, l'emotività, la storia, la psicologia umana. L'arte è quotidiana e non è sinonimo di opera d'arte. Dall'arte nascono cose belle e brutte, buone e cattive, forti e deboli proprio come la vita. A volte un pezzo d'arte emerge, in qualche modo, ed è in quel momento che smette di essere vivo e diventa Opera d'Arte, a quel punto diventa materiale per i critici d'arte, gli intellettuali.

Spesso il problema sta nel fatto che per arrivare a creare un'opera d'arte devi immergerti nel tuo percorso di vita e non sedere a tavolino e cercare di capire come guadagnarci. È l'emotività che tira fuori la grande opera, l'economia poi la gestisce ma è difficile stare da entrambe le parti.

Dunque io in questa pagina promuovo l'arte in sé, come mezzo di crescita e di sviluppo. La persona sana, a mio avviso, è colei che si riconosce, che si accetta, che si integra, che impara a non giudicare ma a scegliere, che sa sorridere, comprendere, condividere e ogni percorso artistico guida in questa direzione. Per questo motivo sono convinta che bambini, ragazzi, adulti debbano sempre portare con sé un po' di arte.

Capacita, emotività, fisicità, uso dei cinque sensi, acquisizione - analisi - comprensione. Maggiore è la nostra consapevolezza e la nostra creatività, maggiori sono le possibilità di trovare la via per una vita migliore, per la nostra vita migliore.

Di seguito libri, letture, esposizioni museali e anche laboratori che lavorano alla creatività dei nostri bambini in formazione, che creo o nei quali sono inciampata.
C'è bisogno di un po' di tutto affinché i bambini di oggi non siano futuri adulti annoiati, seduti in un bar in attesa di eventi da commentare.

Leggere, illustrare narrare. Riflessioni personali. Espongo la mia modesta opinione su come nasce l'arte e su quanto essa sia importante nello sviluppo dell'uomo, del singolo uomo e della specie. Indico il modo in cui identifico i libri che scelgo e i metodo che uso.

Mostra multimediale di Van Gogh. Quando si dice che l'artista vero è immerso nella vita, nelle emozioni, nella naturalezza e non nell'economia; Van Gogh è tutto questo e questa bellissima mostra è un viaggio all'interno dei suoi pensieri e delle sue opere. Anche i bambini hanno amato vivere questa dimensione.

Van Gogh, il pirata dei colori. Un libro molto divertente e dinamico che porta i bambini a giocare al pittore come fosse un pirata e ha prendere coscienza delle cose che si possono fare con i colori, anche in una pagina tutta nera.

Giotto e la città, della serie arte per crescere. Un modo davvero nuovo e profondo di passare un sapere artistico tanto importante.

La piccola Charlotte filmaker - anche il cinema è arte, soprattutto in bianco e nero

Inventing stories lab. di Silvia Corridoni
Se leggere e inventare storie piace ai bambini nella loro lingua madre e contribuisce ad arricchire il proprio vocabolario, perché non dovrebbe avere lo stesso successo in una lingua straniera?

Rondini e migrazioni - quando l'amore la passione le storie gli esseri si incontrano, scopriamo il vero senso di una migrazione e di una dimora fissa, il senso dell'incontro tra una donna e un rondone.

In memoria di Carlo Stuparich - come raccontare la guerra e la morte ai bambini

Il Giardino di Matisse - come scoprire Matisse sin da piccolini

Asilo nel bosco di Ostia Antica con Paolo Mei - un antico modo di crescere che sta tornando nuovo in questo modo di fretta e di competizione. Paolo ci racconta come apprendere dalla natura, dalla sperimentazione dell'autonomia e della democrazia condivisa. Un'esperienza davvero importante per i nostri bambini, ma anche per noi.

El libro negro de los colores (il libro nero dei colori)
Un percorso di integrazione tra vedenti e non-vedenti, come comprendere che loro percepiscono noi esattamente come noi percepiamo loro.

Anche le fiabe sono una via all'educazione.